Graziosa chiesetta campestre immersa nella quiete del paesaggio collinare. Deve il suo nome alla originaria cappella quattrocentesca ("chiesuola" da cui il nome Ghisiola) poi ampliata nella prima metà del Cinquecento. Essa è legata ad un episodio dell'infazia di San Luigi Gonzaga: per superare una grave malattia che aveva colpito il bambino all'età di due anni, la madre Marta Tana, invocò l'aiuto della Madonna della Rosa, il cui affresco è custodito all'interno. Il piccolo guarì e la madre offrì alla chiesa un ritratto di Luigi con una rosa in mano. La rosa del ritratto si collega ad un particolare del quattrocentesco affresco dell'altare, che raffigura la Madonna mentre offre una rosa a Gesù bambino.

Fin dal tempo dei Gonzaga, l’eremo ebbe un ruolo importante nelle tradizioni religiose castiglionesi. I Lunedì di Pasqua le donne vi si recano scalze in espiazione dei propri peccati. Oasi di pace alle porte della città, oggi si mantiene come luogo di silenzio e meditazione, conciliando la quiete della natura alla vicinanza con Dio.

INFO UTILI:

  • Indirizzo:Via santa maria delle Rose- Località Ghisiola, Castiglione delle Stiviere (MN)
  • Telefono: 347-5659887
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.