Il Palazzo fu fatto costruire alla metà dell’800 dalla ricca famiglia Pastore, possidenti terrieri e setaioli mantovani. Questa dimora signorile sorge su edifici preesistenti, denominati all'interno del catasto Teresiano come  "casa con corte" e "casa con bottega"; nel restauro dell'edificio effettuato nel 1974, sono stati rinvenuti frammenti pittorici databili al XV-XVI secolo, ora conservati al piano terra del palazzo comunale. Il Palazzo ottocentesco è strutturato secondo la tipologia "a corte" ,ossia con un cortile interno, e si affaccia, con il giardino all'italiana, sull' ampio Parco Pastore, già luogo di svago della famiglia e ora delizioso spazio verde pubblico. La facciata, sobria ed elegante, dà su via Ascoli con un portale marmoreo che immette nell'androne ottagonale e, da qui, nel cortile interno e nel giardino. A destra dell'atrio, uno scalone d'onore porta al piano nobile del palazzo.

Le stanze di rappresentanza e di residenza della famiglia Pastore presentano raffinate decorazioni, riportate all’ originale splendore dai restauri degli anni '90. Il palazzo, acquistato dall’ Amministrazione comunale nel 1969, è oggi sede della Biblioteca Comunale, oltre che centro di iniziative culturali e didattiche.

INFO UTILI: